25 aprile: il commento del sindaco Antonio Grassi

25/04/2021  - 116 letture     Segreteria

Deposizione delle corone d'alloro da parte del sindaco Antonio Grassi

Il 25 aprile è sempre stato ricordato con gioia. È sempre stato un giorno di festa. Il 25 aprile è il giorno che settantasei anni fa segnava una svolta storica. Il giorno in cui l'Italia s'incamminava verso la Repubblica e la ricostruzione e si lasciava alle spalle la guerra.

Il 25 aprile è la Festa della Liberazione.

Dall'anno scorso è diventato anche il giorno della speranza. La speranza di terminare la guerra in corso contro il covid-19, il terribile virus che ha già causato decine di migliaia di vittime, alcune anche della nostra comunità.

Quest'anno però oltre la speranza, c'è la certezza di vedere la luce in fondo al tunnel. Disponiamo infatti dell'arma che può sconfiggere il nemico. Abbiamo il vaccino e dobbiamo resistere per poi arrivare, come settantasei anni fa alla Liberazione.

Per riuscirci e ritornare a festeggiare il 25 aprile è necessario non cedere a facili entusiasmi. Il nemico è subdolo e sarebbe un grave errore sottovalutarlo. Se vogliamo sconfiggerlo è indispensabile non abbassare la guardia e non cantare vittoria troppo presto.

Il 25 aprile è anche il giorno dell'omaggio e della commemorazione di caduti, ai resistenti che con il loro sacrificio hanno permesso di raggiungere la Liberazione.

E noi anche quest'anno, come sempre abbiamo fatto nel passato, non solo li ricordiamo, ma insieme a loro accumuniamo anche i caduti di tutte le guerre e quelli per il covid-19.

Non faremo una cerimonia pubblica in piazza del comune e anche questa limitazione fa parte della nostra Resistenza, però deporremo una corona d'alloro ai monumenti dei caduti a Casale e a Vidolasco.

A tutti voi cittadini auguro un buon 25 aprile con l'auspicio che speranza e voglia di resistere non vi abbondonino.

Viva L'Italia, Viva Casale Cremasco Vidolasco

Il sindaco
Antonio Grassi.

Condividi:

Azioni:


Contattaci
Un pratico modulo da compilare per corrispondere direttamente con gli uffici comunali.

torna all'inizio del contenuto