Casi di meningite basso Sebino: vaccinazioni anche per lavoratori non residenti

10/01/2020  - 28 letture     Territorio

Casi di meningite basso Sebino: vaccinazioni anche per lavoratori non residenti

In relazione ai casi di Malattia Invasiva da Meningococco C che si sono verificati nei giorni scorsi nell’area del Basso Sebino, Regione Lombardia, l’ATS di Bergamo e l’ATS di Brescia, con le ASST interessate in accordo con il Ministero della Salute e l’Istituto Superiore di Sanità, hanno deciso di ampliare l’offerta vaccinale gratuita attraverso un’azione di vaccinazione straordinaria sia nei comuni primariamente coinvolti (Villongo, Credaro, Sarnico, Predore, Paratico), sia nei comuni limitrofi (Adrara San Martino, Adrara San Rocco, Castelli Calepio, Foresto Sparso, Gandosso, Grumello del Monte, Parzanica, Tavernola Bergamasca, Viadanica, Vigolo, Iseo, Capriolo, Telgate, Chiuduno, Bolgare), dove l’offerta avverrà in collaborazione con i medici di famiglia.

Le informazioni sull’ampliamento dell’offerta vaccinale per i residenti dei territori interessati e gli orari di accesso degli ambulatori per le vaccinazioni straordinarie sono resi disponibili direttamente sui siti web delle di ATS Bergamo e ATS Brescia.

Le vaccinazioni per i lavoratori delle aziende

Si specifica che i lavoratori delle aziende presenti sui territori dei comuni dell’area coinvolta, anche non residenti, possono accedere agli ambulatori vaccinali dove verrà loro richiesto di compilare un’autocertificazione relativa al proprio luogo di lavoro. Inoltre, sono previsti nelle prossime settimane raccordi operativi con i medici competenti delle aziende per organizzare l’offerta di vaccinazione direttamente nelle realtà più grandi. Non è quindi necessario presentarsi autonomamente nei centri vaccinali di altre aree territoriali regionali.

Le vaccinazioni nelle scuole

Per i territori interessati l’ATS Bergamo e l’ATS Brescia hanno attivato i contatti con l’Ufficio Scolastico Provinciale e con i Dirigenti delle scuole secondarie di secondo grado per effettuare eventuali interventi vaccinali presso gli Istituti interessati, anche in considerazione del fatto che sulla base del calendario vaccinale regionale è già prevista l’offerta gratuita della vaccinazione anti-meningococco C fino a 10 anni di età e anti-meningococco ACWY da 11 a 17 anni compiuti, a cui molti hanno già aderito.

Cittadini non residenti nei comuni interessati

Per tutti i cittadini non residenti nei comuni interessati, compresi coloro che, per qualunque motivo, si rechino saltuariamente nei comuni sopraindicati, o che hanno frequentazioni con persone residenti nei suddetti comuni, non sono presenti al momento elementi di un aumentato rischio da patologia da meningococco e, pertanto, non sussiste indicazione alla vaccinazione straordinaria.

Si ricorda l’importanza di aderire agli inviti che le ASST trasmettono di routine a ogni minore, sulla base del calendario vaccinale regionale che prevede l’offerta gratuita della vaccinazione anti-meningococco C fino a 10 anni di età e anti-meningococco ACWY da 11 a 17 anni compiuti.

Condividi:


Contattaci
Un pratico modulo da compilare per corrispondere direttamente con gli uffici comunali.

torna all'inizio del contenuto